7 motivi per cui gli uomini non dovrebbero praticare Yoga

Yoga e uomini…

Ogni volta che un uomo si affaccia alla porta della mia classe di Yoga a Biella mi sorge sul viso un sorriso maligno.

Ho visto decine di uomini venire a provare, per curiosità, perchè assaliti dal mal di schiena o perchè trascinati dalla fidanzata e quasi tutti spariscono dopo la prima o al massimo la seconda sessione.

Si potrebbe pensare che la lezione sia risultata noiosa o troppo morbida ma in realtà è l’esatto opposto.

Nell’immaginario collettivo la lezione di Yoga è una pratica rilassante e tranquilla in cui, seduti ad occhi chiusi si recitano mantra eseguendo una ginnastica dolce.

Quante volte mi hanno detto: “no lo Yoga è troppo rilassante, io ho bisogno di attività che mi facciano sfogare”, o peggio: “posso venire a provare? Ho bisogno di rilassarmi”.

Per carità la lezione potrebbe essere impostata anche in questo modo, ci sono tecniche di Yoga puramente meditative in cui nemmeno ci si muove. Ma preferisco una sessione dinamica, anche perchè in realtà le pratiche di Yoga statiche sono molto più impegnative di quanto non si creda.

Sono convinto che per l’uomo (e la  donna) moderno occidentale la via migliore per arrivare a conoscere se stessi sia faticare, sia impegnarsi in qualcosa di difficile, meglio, di fisicamente impossibile, o almeno che lo si creda tale, perchè poi la pratica costante e la perseveranza dimostrano che nulla è impossibile o quasi. Inoltre i nostri corpi abituati ad una vita sedentaria necessitano di una pratica attiva.

Questo per quanto riguarda la pratica fisica che con tempo, di solito ma non sempre, tende a diventare tutt’uno con il proprio modo di essere e di vivere.

Si può vivere Yoga anche facendo altro come ho già scritto nell’articolo “Lo Yoga quotidiano”. Conosco un sacco di persone che praticano e nonostante questo non sono affatto “Yogiche” e ne conosco altrettante che lo sono senza sapere cosa sia un’Asana o il Pranayama.

“Ho perso il filo del discorso. Bah al diavolo, è sufficiente come presentazione.” cit.

Con lo stesso sorriso maligno che sorge in me quando vedo un uomo arrivare a lezione ho scritto ironicamente, questa serie di motivi per cui gli uomini non dovrebbero mai avvicinarsi ad una classe di Yoga, che vanno appunto letti al contrario.

 

7  Motivi per cui noi uomini non dovremmo praticare Yoga

1 – E’ ben noto che tutti gli uomini sono già abbastanza elastici.

Ne conosco alcuni che riescono addirittura arrivare ad allacciarsi le scarpe senza sedersi. E poi ormai tutte le auto sono dotate di telecamere per la retromarcia, non ci si deve nemmeno più girare per guardare dietro. Perchè mai dovremmo praticare Yoga?

2 – Tutti gli uomini praticano regolarmente stretching dopo lo sport.

Dopo il calcetto o il sollevamento pesi, il tennis o il running facciamo un sacco di stretching.  A volte, non sempre,  sotto la doccia ci pieghiamo in avanti a raccogliere il sapone e ci alziamo soddisfatti come se avessimo fatto una sessione di stretching di un’ora. Esercizio spesso accompagnato da un sospiro di grande soddisfazione.

3 – Lo Yoga è nato per essere praticato dalle donne.

Anche se in realtà nell’antichità l’Hatha Yoga era una pratica esclusiva per uomini ed è per questo che tutti i più grandi maestri del passato sono maschi nel 2018 è palesemente una pratica femminile, lo fanno solo le donne!

4 – Lo Yoga è una pratica troppo morbida per un uomo che ha necessità di forgiare il suo corpo come acciaio.

Non importa se pratiche come l’Ashtanga Yoga possono essere tranquillamente paragonate ad una sessione di ginnastica artistica nella quale sono necessarie forza straordinaria, controllo assoluto del proprio corpo e massima elasticità per eseguirne anche solo la serie più semplice. Quando si parla di Yoga a noi uomini ci viene in mente solo una classe di ragazze con pantaloni attillati che all’unisono emettono il suono dell’eterno: Oooooommmmmmm.

5 – Le classi di Yoga sono piene di donne.

Agganciandoci al motivo precedente, le classi di Yoga sono piene zeppe di ragazze, meglio non frequentare ambienti simili. La sala pesi, piena di uomini sudati e pelosi che urlano alzando bilancieri, quello è il posto dove dovremmo stare noi maschi alfa. Davanti allo specchio a gonfiare i bicipiti lumando l’unica ragazza vestita come se ne trovano … nelle classi di Yoga.

6 – L’uomo è un essere semplice.

Nella nostra vita non esiste lo stress. Abbiamo in testa 3 cose: cibo, sesso e calcio. Cosa vuoi che ci serva isolarsi per un’ora al giorno e concentrarci sul nostro “qui ed ora”, sul nostro corpo e respiro, lasciando fuori dalla pratica i nostri impegni e problemi quotidiani. Non ne abbiamo!

7 – Nello Yoga non esiste competitività.

Nessuna competizione, nessuna vittoria, nessuna sconfitta. Che me ne faccio di uno “sport” in cui uno non può vincere trionfante andando a sbeffeggiare l’amico battuto. Non puoi raccontarlo nemmeno al bar: “Sai oggi a Yoga ho surclassato Andrea”.  E poi non esistono nemmeno gare di Yoga in tv, che dovremmo la domenica? Inutile.

Uomini: resistete almeno qualche mese… non ve ne pentirete. Promesso.

Namastè

Leave a Reply:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *